Sospertole/Casa Castalda – Parco del Monte Subasio

Info generali

È proprio qui che, incastonato in una selva di alberi secolari, si trova l’Eremo delle Carceri, uno dei luoghi più ricchi di memorie e suggestioni francescane. Il nome “carceri” suona oggi strano per indicare un luogo sacro. Non è da intendere come prigione, nel senso moderno, ma come termine per indicare un luogo ritirato e solitario in cui fuggire da rumore del mondo.

È dallo stesso Subasio, così indissolubilmente legato alla storia di san Francesco, che proviene la particolare pietra rosa utilizzata fin dall’antichità per realizzare, oltre all’Eremo e al centro storico di Assisi, le abbazie, le chiese, i piccoli borghi fortificati.

Al tramonto, la pietra assume un particolare colore ambrato che avvolge la città, la campagna e tutto il paesaggio circostante, accentuandone la dimensione ascetica.

L’escursionismo e il trekking sono facilitati da una sviluppata rete sentieristica. Mulattiere e strade sterrate sono terreni favorevoli per la mountain bike e l’equitazione. Se sei interessato a viaggiare alla scoperta dei luoghi di spiritualità legati al santo ti consigliamo di percorrere la Via di Francesco.

Il Monte Subasio si presta alla pratica di sport come parapendio e volo libero ed è frequentato anche da aquilonisti.

Fanno parte dell’area del parco i comuni di Assisi, Spello, Nocera Umbra e Valtopina.

Il Monte è stato considerato sacro fin dall’antichità, quindi prima che venisse scelto da San Francesco. Un misticismo che nasce fin dalle popolazioni degli Umbri. Tra il 1205 e il 1206 il monte comincia a farsi presente nella vita francescana. Qui sorgono l’Eremo delle Carceri e numerosi luoghi sacri legati alla vita francescana.


Altre info


Altri luoghi dello stesso percorso

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi